Biografia

L’Organizzazione A.P.O. (Associazione di Produttori Olivicoli Società Cooperativa) è stata costituita a Cosenza, il 22 dicembre 2014 ed ha sede in Via dei Mille, 12 in Cosenza. La A.P.O. è inoltre dotata di un uffici tecnici nelle sedi operative di Castrovillari, in Corso Calabria, e ad Altomonte (CS) in Contrada Vomereto.

Base associativa

L’Associazione è costituita da n° 1.982 produttori associati con una superficie olivetata totale pari ad Ha 1.620 ed una produzione media annua totale di circa 1.300 tonnellate di olio. Gli oliveti sono costituiti quasi esclusivamente dalla cultivar “Roggianella, Carolea, Frantoio”. L’A.P.O. rappresenta circa il 10,00 % dei produttori olivicoli della zona regionale interessata e il 5,00 % della produzione media di olio della zona regionale interessata.

Scopi dell’Organizzazione

L’A.P.O. è una Organizzazione senza fini di lucro e si propone i seguenti scopi e finalità: 

concentrare l’offerta e commercializzare direttamente la produzione dei soci; 

  •  ridurre i costi di produzione e stabilizzare i prezzi alla produzione; 
  •  adottare tecnologie innovative; 
  •  monitorare i mercati; 
  • tutelare l’ambientale e recuperare gli oliveti;
  •  migliorare la qualità dell’olio di oliva;
  •  assicurare la tracciabilità dell’olio di oliva; 
  •  attuare azioni di promozione, divulgazione, formazione e divulgazione dell’olio di oliva e dell’olivicoltura ; 
  •  partecipare alla gestione della crisi di mercato;
  •  disporre del prodotto degli associati per il raggiungimento dei propri fini istituzionali; 
  •  determinare con efficacia vincolante per gli associati, regolamenti per il proprio funzionamento e norme comuni di produzione e di immissione sul mercato, con particolare riferimento a pratiche biologiche o di qualificazione produttiva; 
  •  promuovere pratiche colturali e tecniche di produzione rispettose dell’ambiente e del benessere degli animali, allo scopo di migliorare la qualità delle produzioni e l’igiene degli alimenti, di tutelare la qualità delle acque, dei suoli e del paesaggio e favorire la biodiversità, nonché favorire processi di rintracciabilità, anche ai fini dell’assolvimento degli obblighi di cui al Reg. CE n. 178/02;
  •  rappresentare i produttori associati nei confronti di enti pubblici e privati; 
  •  stipulare convenzioni e contratti, anche interprofessionali, utili al raggiungimento degli scopi associativi; impegnarsi, una volta a regime, ad avere conferimenti per più del 50% (cinquanta percento) del valore annuale della produzione commercializzata, provenienti dalle superfici olivetate della propria base sociale; 
  •  attuare iniziative a favore dei propri associati per il miglioramento delle condizioni di produzione e dell’offerta, in particolare per la fornitura di servizi e di strutture privilegiando, a parità di condizioni, quelle già esistenti presso gli associati; 
  •  determinare e applicare norme di conoscenza della produzione in particolare tese ad acquisire informazioni sulle quantità presumibili nonché su quelle effettivamente prodotte; 
  •  svolgere azioni di valorizzazione e di promozione del prodotto; 
  •  promuovere programmi di ricerca e di sperimentazione agraria diretti alla riconversione e razionalizzazione produttiva delle aziende associate.; 
  •  assicurare la programmazione della produzione dei soci e l’adeguamento della stessa alla domanda, sia dal punto di vista quantitativo sia qualitativo.

 

Organigramma

La struttura organizzativa dell’A.P.O. è formata da: 

  1. Assemblea dei Soci, costituita da tutti i produttori associati; 
  2. Consiglio di Amministrazione, composto da 7 membri compreso il Presidente.

L’amministrazione è affidata al Presidente Giuseppino Santoianni. L’A.P.O. attualmente si avvale di numero 5 persone qualificate di cui, una persona con funzioni di Direttore della struttura tecnica, un Tecnico Amministrativo e collabora con tecnici professionisti, di cui due dottori agronomi e un perito agrario laureato.

Ultima modifica il Giovedì, 23 Aprile 2020 09:06
Altro in questa categoria: I nostri territori »